I cespugli dei gigli marini
sono i fili d'erba del giardino;
il mio mare
sono le pozzanghere nella terra,
i miei fiumi semplici rivoletti.
La pioggia che scende dal cielo
mi ricorda il diluvio universale:
un cosmo circoscritto
alla lentezza dei movimenti
che consumano l'attesa.

© LG. 633/1941

© Copyright testo 2017

Ogni Diritto riservato all'Autrice

logo