estate

Radici

Posted on by Fabiana Agnello

Salento, Salento mio, sono fatte di mare le tue sillabe che scrivo. Possiedi la ricchezza dell’estate nella dolcezza del fico, nelle gote vermiglie di papaveri e sorrisi bianchi di margherite. Sei blu come le notti stellate che sanno di rugiada al mattino e poi grigio, ora azzurro e turchese, a volte pieno di lacrime sulla scogliera. Per le tue vie passeggiano il tempo e il tannino che stringe l’anima al cascare di aghi di abete sul tuo grembo...
Continua...

...e poi sono morta

Posted on by Fabiana Agnello

D'ESTATE, UN QUADRO. Non ti muovere. Disegno il volto tuo tinto d'arancio nel breve momento del tramonto. Tratteggio le guance abbrunite, il fascino delle tue labbra desiderabili, intingo occhiate dolci come la malvasia. Non ti muovere. Emergi dalla distesa argentea come il dio Nettuno e possiedi spalle solide e l'orizzonte riluce della bellezza tua spettinata e sensuale. Non ti muovere. Nel dipinto dell'anima sfumo il tuo intenso profumo intriso di salmastro. Non ti muovere. Una stretta alla vita del tuo...
Continua...